Pasta zucca e nduja

Difficoltà:
Cottura:
30 min
Preparazione:
10 min
Per:
4
persone

Grande eventone: per la prima volta in vita mia sono riuscita a mangiare pasta e zucca! :)

Non amo particolarmente pasta e zucca in formato zuppa, ma ultimamente sto provando a mangiare un po’ tutto ed ho preparato una pasta e zucca più particolare. 😉

Avevo della nduja in casa e l’ho aggiunta alla pasta e zucca; se non l’avete potete ovviare con del peperoncino (anche per una versione vegetariana), ma non è la stessa cosa. 😉 Invine ho mantecato la pasta con latte e parmigiano: una vera bontà! 😀

Buon inizio di settimana “piccante”! 😀

Ingredienti per la pasta zucca e nduja

320 g di pasta tipo penne o tortiglioni
700 g di zucca
20 g di nduja
50 g di cipolla
1 spicchio d'aglio
40 g di burro
100 ml di latte
60 g di parmigiano
sale

Come fare la pasta zucca e nduja

Sbucciate la zucca ed eliminate i semi. Tagliatela a cubetti.

In una padella sciogliete il burro e soffriggete cipolla e aglio tagliati a pezzetti. Aggiungete la nduja, girando per scioglierla.

A questo punto fate rosolare la zucca per qualche minuto.

Aggiungete dell’acqua e un po’ di sale e fate cuocere la zucca per una quindicina di minuti.

Schiacciate la zucca con la forchetta fino a ridurre tutto in crema.

Cuoci la pasta in abbondante acqua salata. Toglietela un minuto prima che diventi al dente. Trasferite la pasta nella padella con la zucca ed aggiungete il latte (a temperatura ambiente).

Aggiungete il parmigiano e mantecare la pasta.

Servite la pasta e zucca con nduja! 😉

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 07:00

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP