Pancakes di albumi

Difficoltà:
Cottura:
10 min
Preparazione:
20 min + riposo
Per:
10
pancakes

I pancakes di albumi sono una ricetta perfetta per riciclare gli albumi ed avere allo stesso tempo una colazione super golosa. Avrete dei pancake soffici, più leggeri e che non differiscono da quelli classici. Ho pensato che nei prossimi giorni tra zeppole di San Giuseppe e pastiera, vi avanzeranno parecchi albumi, quindi perchè non provare qualche nuova ricetta, magari proprio i miei pancakes con soli albumi? Sul sito trovate tante altre idee per riutilizzare gli albumi, non c’è che l’imbarazzo della scelta!

Vi auguro una buona giornata golosauri!

Ingredienti per pancakes di albumi

2 albumi (80g)
200 ml di latte
150 g di farina
30 g di burro fuso
20 g di zucchero
8 g di lievito per dolci
aroma alla vaniglia
1 pizzico di sale
Per la copertura:
sciroppo d'acero , miele, nutella, marmellata, etc
noci , frutta secca, frutta fresca, etc

Come fare pancakes di albumi

In una ciotola mescolate gli albumi con il latte, il pizzico di sale e lo zucchero. Non vanno montati a neve. :)

Aggiungete farina e lievito setacciati.

Aggiungete burro fuso e aroma alla vaniglia.

Mescolate e fate riposare in frigo per mezz’ora.

Ungete una padella con un po’ di burro e versate un po’ del composto, senza esagerare.

Appena inizieranno a formarsi delle bolle

potete capovolgere i vostri pancakes.

Servite i pancakes con albumi guarnendoli a piacere, io ho scelto sciroppo d’acero e noci! :)

Come conservare

Si conserva per 2 giorni ben chiuso in frigo. 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 10:32

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP