Panini napoletani

Difficoltà:
Cottura:
30 min
Preparazione:
40 min
Per:
10
persone

I panini napoletano sono dei rustici a base di sugna molto simili al tortano, ripieni di salumi, uova sode e, volendo, formaggio. :)

I panini napoletani hanno una forma arrotolata e spesso qui a Napoli sono il pranzo dei pendolari che non hanno molto tempo per fermarsi a mangiare. Oltre al fatto che sono buonissimi! 😀

Potete preparare i panini napoletani per feste, cene e bouffet. 😉



Ingredienti

500 g di farina
125 ml di acqua
125 ml di latte
12 g di lievito di birra fresco
10 g di zucchero
150 g di strutto
300 g di salumi a piacere
3 uova soda
pepe
sale

Preparazione

In una terrina setacciate la farina con il sale. A parte sciogliete il lievito in acqua calda e mezzo cucchiaino di zucchero.

Ponete al centro della farina l’acqua col lievito ed il latte tiepido.

Iniziate ad impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Lasciate lievitare un paio d’ore, fino a che non sarà raddoppiato di volume.

Aggiungete la sugna.

Impastate per una decina di minuti.

Stendete l’impasto dei panini napoletani e distribuitevi i salumi, le uova sode ed una manciata di pepe.

Arrotolate e tagliate i panini napoletani con uno spesso di 4-5 cm.

Mettete a lievitare già sulla teglia rivestita di carta da forno per un’altro paio d’ore circa.

Spennellate i panini napoletani con un po’ di latte.

Cuocete in panini napoletani in forno preriscaldato a 190° per circa venti – trenta minuti.

Mangiate i vostri panini napoletani tiepidi. 😉

 

Ricette simili


Chi sono

Pubblicato da Elena Amatucci il alle 18:50

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

Commenti

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualmente sono presenti 37 commenti a "Panini napoletani"

(media voti:5 su 38 commenti)
  1. ciao yma! per doppia dose vanno bene 300g di sugna, la prossima volta per stenderlo infarinati un po’ le mani e il piano da lavoro. potrebbe anche dipendere dal tipo di sugna, la mia era bella compatta, se la tua fosse più morbida, togline 60g dalla doppia dose. :)

  2. Ciao,proprio oggi volevo fare questa ricetta,raddoppiando le dosi,tutto bene finché non aggiungo la sugna poiché L impasto è diventato difficile da stendere,ho dovuto buttarlo,forse 300 gr di sugna era troppo per la doppia dose?

  3. bisogna adattarsi! 😀 :*

  4. Per fare questi panini napoletani ho per la prima volta in vita mia comprato e utilizzato lo strutto! Che strano, a prima vista mi sembrava un blocco di cera! In ogni caso, grazie a questa ricetta mi sono risentito a casa, dove il panino napoletano è uno degli street foods più classici e diffusi! Ovviamente mi sono dovuto un po’ arrangiare con gli ingredienti, tipo chorizo spagnolo e cheddar locale… Però il risultato è stato più che soddisfacente! Evviva!

  5. ciao ceska, io ne metterei un bel cucchiaino! :) diciamo 15g!

  6. Quantosale occorre mettere? Il solito pizzico? :-)
    Grazie

  7. grazie mille! :)

  8. panini buonissimi!!LI HO APPENA FATTI.GRAZIE.

  9. esatto, si possono adatare a tutte le esigenze! 😉

  10. Ciao Cara, che belli questi panini! In questo periodo non tollero molto le uova, ma si possono fare con tanti altri ingredienti salati, buonissimi!

    Nina di http://fragolaecannella.blogspot.it/

  11. eleonora puoi mettere il burro. :)

  12. volevo farli stasera ma mi dici per piacere al posto della sugna cosa posso mettere ?

    grazie 1000

  13. gisella la sugna sarebbe il grasso di maiale che si usa per gli impasti, detto anche strutto. :)

  14. salve,vorrei sapere cos’è la sugna. grazie

  15. per Maria

  16. angela dipende dal caldo, in questo periodo va bene anche un’oretta, ma dipende sempre dalla temperatura della tua cucina. :)

  17. Ma più o meno quante ore bisogna lasciarli riposare?

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOP