Zeppolone di San Giuseppe

Difficoltà:
Cottura:
1 h e 10 min
Preparazione:
30 min + riposo
Per:
15
persone

Le zeppole di San Giuseppe sono tra i miei dolci preferiti, specie se fatte in casa e farcite quasi fino a scoppiare. La settimana scorsa pensavo ad un bel dolce da fare, e Davide mi dice: perchè non fai una zeppola gigante con sopra delle mini zeppoline? E la risposta è stata: beh in effetti, perchè no? Quindi eccomi qua, con il mio zeppolone di San Giuseppe, una sorta di sogno proibito che però una volta nella vita andava fatto!

Volendomi mantenere sul classico, per la farcia ho usato crema e amarene, che potete sostituire con delle fragoline o delle gocce di cioccolato! E se volete il numero di zeppoline decorative sopra, possono essere anche piu’ di cinque, perchè vi assicuro che saranno la prima cosa a sparire! 😀

Vi auguro una buona giornata golosauri, e ricordate, solo una cosa è meglio di una zeppola di san giuseppe: una zeppola di San Giuseppe gigante!! 😀

Ingredienti per zeppolone di San Giuseppe

Per la pasta choux:
250 ml di acqua
100 g di burro
175 g di farina
5 uova
1 pizzico di sale
Per la farcia:
1 litro di latte
4 tuorli
120 g di farina
200 g di zucchero
vaniglia o buccia di limone
1 barattolo amarene
Per decorare:
zucchero a velo

Come fare zeppolone di San Giuseppe

In un pentolino mettete l’acqua,  il burro ed un pizzico di sale. Ponete sul fuoco.

Quando il burro si sarà sciolto, togliete dal fuoco e mettete la farina tutta in una volta.

Mescolate e rimettete sul fuoco; mescolate fino a formare un impasto compatto (ci vorrà al massimo un minuto!).

Fate intiepidire, e aggiungete le uova una alla volta, mescolando fino a che non si sarà assorbito, prima di aggiungere quello successivo.

Otterrete un composto come in foto. Se le uova fossero molto grandi potete usarne 4 intere ed un tuorlo. Mi raccomando, la grandezza delle uova puo’ variare, quindi aggiungetene sempre una alla volta fino ad ottenere una consistenza che mantenga la forma delle zeppole. Nel caso la otteniate prima di aggiungere tutte le uova, fermatevi! :)

Mettete la pasta choux in una sac à poche  formate la vostra zeppolona, su una teglia rivestita di carta da forno. Tenete presente che cuocendosi si gonfierà e si allargherà!

Cuocete in forno preriscaldato ventilato a 180° per 15 minuti, poi passate al forno statico e cuocete altri 30-40 minuti. Spegnete e lasciate raffreddare in forno, con lo sportellino leggermente aperto.

Io ho tenuto da parte un pochino di impasto per fare qualche zeppolina da usare come decorazione, che ho cotto in forno preriscaldato ventilato a 200° per circa 20 minuti.

Preparate la crema; scaldate il latte con la buccia di limone o la vaniglia incisa per il lungo.

In una terrina lavorate tuorli e zucchero.

Aggiungete la farina (e se necessario un po’ del latte, non eccessivamente caldo).

Aggiungete il latte filtrato, mescolando con una frusta, e ponete la crema sul fuoco. Cuocete a fiamma bassa mescolando continuamente, finchè non si sarà addensata. Ci vorranno circa 10-15 minuti. Spegnete subito!

Trasferite la crema pasticcera in una ciotola, mettete della pellicola a contatto e lasciate raffreddare completamente.

Aprite il vostro zeppolone

e con l’aiuto di una sac à poche ricopritelo con la crema.

Aggiungete le amarene

e chiudete con l’altra metà.

Fissate le zeppoline sul dolce con un po’ di crema sotto, decoratele con crema e amarene e spolverate il tutto con lo zucchero a velo. Fate riposare un paio d’ore in frigo prima di gustare lo zeppolone di san giuseppe! 😀

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 12:38

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP