Castagnaccio

Difficoltà:
Cottura:
30 min
Preparazione:
10 min
Per:
12
persone

Il castagnaccio è un dolce a base di farina di castagne, arricchito con pinoli e uvetta (e nel mio caso anche da noci!). Nonostante i pochi ingredienti, è un dolce bello consistente per via delle castagne e della frutta secca.

La ricetta del castagnaccio è molto semplice, senza uova, latte o farina, e non c’è nemmeno lo zucchero, perchè la farina di castagne dovrebbe gia’ essere dolce di per se’. :) Alcune varianti prevedono l’aggiunta di rosmarino, ma io non ho voluto osare per non inimicarmi gli assaggiatori. 😀

Per preparare il castagnaccio è necessario utilizzare una teglia larga e basse, in modo da ottenere le classiche fettine sottili e compatte. :)

Vi auguro buon week end! :)

 

Ingredienti per castagnaccio

400 g di farina di castagne
600 ml di acqua
30 g di olio extravergine d'oliva
100 g di noci
100 g di uvetta
100 g di pinoli

Come fare castagnaccio

Mettete l’uvetta in un bicchiere con dell’acqua per farla rinvenire.

In una ciotola setacciate la farina di castagne.

Aggiungete poco alla volta i 600ml di acqua, mescolando contemporaneamente con una frusta.

Aggiungete l’olio.

Aggiungete le noci tritate grossolanamente, e due terzi dei pinoli e dell’uvetta.

Trasferite in una tortiera bassa del diametro di 30cm rivestita di carta da forno o unta d’olio. Aggiungete i pinoli e l’uvetta tenuti da parte.

Cuocete in forno preriscaldato a 200° per circa 30 minuti. Dovranno formarsi delle crepe sulla superficie che diventerà opaca. :)

Lasciate raffreddare completamente prima di servire il vostro castagnaccio

 

 

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 10:16

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP