Panna cotta senza gelatina

Difficoltà:
Cottura:
10 min
Preparazione:
10 min + riposo
Per:
6
panne cotte

La panna cotta senza gelatina e senza agar agar: credete sia impossibile? E invece no! 😀 Qualche tempo fa, preparando il gelo d’anguria, mi resi conto che con la maizena si otteneva un composto molto budinoso, e annotai mentalmente questa cosa, con l’intenzione di farci prima o poi dei budini e la panna cotta; l’annotazione deve essersi però persa nel disordine della mia scrivania mentale, che rispecchia perfettamente quella reale. Poi qualche giorno fa la cara Ivana, che segue il blog, mi ha fatto vedere alcune ricette di budini, con la maizena, e mi sono ricordata di colpo dei miei progetti culinari, così ho subito aperto la dispensa e mi sono messa all’opera, ed è nata questa sofficissima panna cotta. 😀 So che tante di voi hanno un rapporto conflittuale con la gelatina in fogli, e so pure che non è semplicissimo trovare l’agar agar (che costa anche parecchio!), quindi la maizena (o amido di mais 😉 ) mi sembra la soluzione perfetta. Per la ricetta ho utilizzato la panna di latte, quella non zuccherata, se usate quella vegetale (tipo hoplà) non c’è bisogno di mettere lo zucchero; per la versione vegan, potete usare la panna di soia, magari aromatizzandola un bel po’, visto che non ha proprio un sapore esaltante. :) L’unico consiglio che vi do è di utilizzare degli stampini monoporzione se li avete, anche usa e getta, così eviterete di fare mirabolanti acrobazie tentando di sformare una sola panna cotta per volta, pregando che non caschino tutte. Io ho preso l’intero stampo e l’ho capovolto con abile mossa su un tagliare abbastanza grande, e chi mi conosce sa che c’era un buon 80% di possibilità di farle attaccare al soffitto. 😀

Vi auguro una buona giornata golosauri!

 

Ingredienti per panna cotta senza gelatina

400 ml di panna
40 g di zucchero
30 g di maizena
essenza di vaniglia
Per guarnire:
ganache al cioccolato , caramello, marmellata, amarene e così via!

Come fare panna cotta senza gelatina

In un pentolino mettete la maizena setacciata e lo zucchero.

Aggiungete la panna, mescolando con una frusta. Se si formassero dei grumi, filtrate il tutto.

Aggiungete l’essenza di vaniglia e ponete sul fuoco. Cuocete per una decina di minuti circa, mescolando continuamente, la panna dovrà addensarsi!

Versate negli stampini per muffin e chiudete con un po’ di pellicola a contatto.

Lasciate raffreddare del tutto a temperatura ambiente e mettete un paio d’ore in frigo.

Capovolgete la panna cotta in un piatto da portata con un colpo secco e guarnite a piacere! :)

Avviso agli intolleranti:

Prima di utilizzare qualsiasi ingrediente, assicuratevi che sulla confezione sia specificata l'assenza di glutine.
 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

Ricette simili


Chi sono

Pubblicato da Elena Amatucci il alle 10:36

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

Commenti

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualmente sono presenti 16 commenti a "Panna cotta senza gelatina"

(media voti:4 su 16 commenti)
  1. sìsì, non hai la consistenza tipo budino di marmo, ma regge. 😀 la maizena devi comunque scaldarla in qualche modo insieme al composto, quindi non è una sostituzione che puoi fare così su due piedi, e non avendo provato non so come consigliarti. :(

  2. Elena cara, l’ho fatta! Notato una consistenza meno densa, ma da adesso in poi maizena per tutta la vita!!!!!!! :-) Grazie per questa scoperta! E’ possibile sostituire la maizena con la colla di pesce o agar-agar anche nelle torte fredde, cheesecakes eccetera? Se sì, c’è una proporzione? Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeee ancora, Benedetta

  3. perchè immagino tu vada piu’ comoda poi a tagliare e sollevare le fette! senno’ finisce che la devi prendere a cucchiaiate dall’alto. 😀

  4. ribadisco: sei un mito! grazie 1000 per il trucchetto, Elena, ok farò così. tu sei un mito, ma io so’ imbranata 😀 non ho capito perché è meglio usare lo stampo a cerniera rispetto ad uno stampo da crostata ( lascerei la panna cotta là dentro) grazieeee ciao Milly

  5. ciao milly! non so se regge al taglio della fatta, non ho provato! nello stampino lo capovolgi e via, ma calcola che è meno compatta di quella con la gelatina, quindi ti consiglierei uno stampo a cerniera. Per la quantità puoi usare un trucchetto: riempi lo stampo di acqua, fino all’altezza desiderata. Poi misuri quest’acqua, vedi quanti ml sono ed usi altrettanti ml. 😀 Forse appena appena in meno perchè ci sono anche maizena e zucchero, che occupano spazio. 😛

  6. ma io non posso crederci, sei riuscita creare la panna cotta senza addensante?! sei un mito, Elena, secondo te, di quanto dovrei aumentare le tue dosi per uno stampo di diametro 30? vorrei farla in uno stampo da crostata, ma poi non tolgo la panna cotta dall ostampo , la lascio lì e la servo forse con fragole, frutta, che dici? grazie ciaooooo milly

  7. mi fa piacere danila! ^_^

  8. Grazie l ho fatta ,mi è venuta benissimo sopra ho fatto una bella salsa di fragole

  9. io proverei a tenerla di piu’ sul fuoco! :)

  10. Ciao ho provato la ricetta ma la panna non si é rassodata in frigo come doveva, secondo te é un problema di dosi di maizena che cambia con la panna di soia o dovevo tenerla di più sul fuoco?

  11. sìsì martina. :)

  12. Si può usare il zucchero a velo al posto dello zucchero normale?

  13. ciao! :) io ho usato quella della valsoia, ma so che esistono anche altre marche di panna di soia da montare. :)

  14. Ciao! Mi piacerebbe fare questa panna cotta (solo a guardarla ho un’acquolina in bocca…), ma vorrei farti una domanda: cosa intendi per panna di soia? Quella da cucina tipo la Alpro? Oppure c’è proprio la panna da montare di soia? (Il mio ragazzo è vegano e mi piacerebbe potesse mangiarla pure lui :) )

  15. ciao isella, se la vuoi piu’ dolce certo! ^_^

  16. Grazie! La farò presto guarnita con frutta spadellata estiva. Lo zucchero mi sembra poco per 400ml di panna. Posso aggingerne ?
    Grazie per la risposta.
    Isella

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOP