Trippa alla romana

Difficoltà:
Cottura:
2 h e 15 min
Preparazione:
15 min
Per:
2
persone

Ho assaggiato la trippa alla romana per la prima volta qualche settimana fa, in una tipica trattoria romana che mi ha fatto leccare i baffi, in particolar modo per la gricia che dovrò rifare quanto prima. 😀 Io non sono grande fan delle interiora, ma visto che da quel giorno Davide continuava a chiedermi di rifarla in casa e ad un certo punto si è presentato con della trippa direttamente in cucina, non ho potuto fare a meno di sperimentare la ricetta della trippa alla romana.

Come ogni piatto tradizionale, credo che ogni famiglia abbia una propria ricetta o qualche segreto, io mi sono basata sull’assaggio che avevo fatto e sui consigli di qualche amica romana. Ho preferito una versione più leggera, quindi senza battuto di lardo, che se volete potete aggiungere poco prima di mettere la trippa in padella.

Vi auguro una buona domenica e buona trippa al sugo a tuti voi! 😀

 

Ingredienti

500 g di trippa
650 ml di passata di pomodoro
1 cipolla
1 carota
1 costa di sedano
1 spicchio d'aglio
100 ml di vino bianco
olio extravergine d'oliva
sale
pecorino romano
peperoncino
mentuccia

Preparazione

Sciacquate per bene la trippa e tagliatela a listarelle. Se preferite un sapore meno forte, datele una sbollentata in acqua e alloro. :)

In una padella rosolate cipolla, sedano, carote tritate e aglio.

Aggiungete la trippa e fatela rosolare.

Sfumate con il vino bianco.

Appena sarà evaporato, aggiungete la passata di pomodoro, un paio di bicchieri d’acqua (dipende da quanto è densa la passata! :) ), sale e peperoncino. Fate cuocere un paio d’ore a fiamma bassa, con il coperchio leggermente spostato.

Aggiustate di sale, aggiungete la mentuccia e servite la vostra trippa al pomodoro con una bella spolverata di pecorino! :)

Come conservare

Si conserva per 1 giorno ben chiuso in frigo.
Avviso agli intolleranti:

Prima di utilizzare qualsiasi ingrediente, assicuratevi che sulla confezione sia specificata l'assenza di glutine.


 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

Ricette simili


Chi sono

Pubblicato da Elena Amatucci il alle 12:16

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

Commenti

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualmente sono presenti 2 commenti a "Trippa alla romana"

(media voti:3 su 2 commenti)
  1. ciao marco, sono stata da osteria bonelli! :) ho chiesto anche agli altri commensali, e neppure loro ricordano la mentuccia, non so se sia stato un caso o meno. cmq grazie del consiglio, ora lo aggiungo. :)

  2. Le chiedo scusa, non so dove lei abbia mangiato la trippa alla romana, ma di sicuro non
    era trippa alla romana anche perche’ nella ricetta non ci va il battuto di lardo ma di sicuro
    ci va la mentuccia e poi se il sugo e’ di carne ( ad esempio il sugo avanzato fatto con un buon
    muscolo) e’ meglio ma non strettamente necessario,pero’ la mentuccia e’essenziale.

    Mi scuso ancora se mi sono permesso ma sono stufo di vedere le ricette romane stravolte

TOP