Cestino di anguria con macedonia

Difficoltà:
Cottura:
Senza cottura
Preparazione:
60 min
Per:
15
persone

 

Sempre per la mia festa avevo intenzione di fare delle decorazioni con frutta e verdura. Visto che non era proprio una cena, ho preferito fare un’unica cosa grande (poi man mano cercherò di sbizzarrirmi :D). Cosa c’era di più grande di un’anguria? 😀

Ne ho fatto un cestino con la macedonia dentro, ma volendo potete anche usare solo la parte dell’anguria che togliete ed aggiungerci della vodka (io l’ho fatto in un altro contenitore :D).

Ingredienti per cestino di anguria con macedonia

1 anguria
300 g di mele
300 g di pere
500 g di melone
300 g di fragole
300 g di ciliegie denocciolate
300 g di kiwi
3 limoni
50 g di zucchero
(ovviamente le quantità di frutta sono indicative, dipende da quanto è grande l'anguria :P)

Come fare cestino di anguria con macedonia

Con un righello dividete l’anguria (aiutandovi con una penna) per il senso della lunghezza e partendo dal centro, disegnate il manico, che deve essere spesso circa 5 cmq.

Tagliate i due spicchi superflui.

Svuotate la parte subito sotto il manico.

Con l’attrezzo per fare le palline (io lo chiamo affettuosamente spallinatore :D) svuotate l’anguria.

Fare i bordi dell’anguria a zig zag (potete aiutarvi tracciando i segni con la penna).

Sbucciare e tagliare la frutta (io l’ho fatta a palline :D), mettere nell’anguria, aggiungere il succo dei limoni e lo zucchero.

Conservare in frigo fino al momento di servire. 😀

Se avete usato il melone potete anche fare un altro minicestino. 😛

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 11:00

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP