Raffaello

Difficoltà:
Cottura:
Senza cottura
Preparazione:
1 h e 30 min
Per:
6
persone

Dopo aver preparato le cupolette per i ferrero rocher, non potevo non preparare i raffaello! Tanto ormai il più era fatto! 😀

Come ben sapete, i raffaello sono quei cioccolatini ripieni di cioccolato e mandorla e ricoperti di cocco. E non perchè li abbia fatti io, ma chiunque abbia assaggiato i miei raffaello fatti in casa ha detto che sono meglio di quelli orginali. 😉

Sono una fantastica idea regalo, potete divertirvi a creare anche delle varianti, magari ricoprendoli di cioccolato fondente invece che bianco e mettendo al centro una nocciola invece della mandorla. Insomma, dal momento che avete le mani in pasta, perchè non sperimentare? 😉

Se non avete lo stampino, potete acquistarlo qui!

Vi auguro una buona giornata!

Ingredienti per i raffaello

60 g di pavesini
70 g di burro
Per il ripieno dei raffaello:
100 g di cioccolato bianco
20 g di burro
15 mandorle pelate
Per la copertura dei raffaello:
200 g di cioccolato bianco
farina di cocco

Come fare i raffaello

Tritare i pavesini fino a ridurli in polvere. Aggiungere il burro fuso.

Mettete un po’ di impasto negli stampini a semisfera.

Con le dita schiacciate il composto contro le pareti.

Mettete in frigo per venti minuti. Ecco qua le cupolette da tenere in frigo fino al momento di utilizzarle per evitare che si sciolgano.

Sciogliete a bagnomiaria il cioccolato bianco insieme al burro per il ripieno dei raffaello.

Con un sac à poche mettete il ripieno nelle cupolette e nella metà di esse mettete una mandorla.

Chiudette le cupolette e mettetele in frigo.

Sciogliete a bagnomaria il cioccolato bianco per la copertura. Mi raccomando, non usate lo stesso pentolino del ripieno senza lavarlo prima. 😀

Passate i raffaello nel cioccolato fuso e poi nella farina di cocco, molto velocemente per evitare che le cupolette si sciolgano.

Mettete i raffaello su carta da forno e poi in frigo per una ventina di minuti.

Prima di servire i raffaello, tirateli fuori dal frigo almeno mezz’ora prima. Visto il tempo degli ultimi giorni, anche un po’ prima. 😉

Come conservare

Si conserva per 3 giorni ben chiuso in frigo. 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 07:00

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP