Torta alle pesche sciroppate

Difficoltà:
Cottura:
40 min
Preparazione:
20 min
Per:
12
persone

Ho preparato la torta alle pesche sciroppate ieri pomeriggio, dal momento che avevo finito il mio dolce per la colazione. Ho scavato un po’ in dispensa e mi è saltato agli occhi questo barattolone di pesche sciroppate. Si tratta di una torta agli albumi, perchè avevo il bric già aperto da consumare, dopo aver preparato i pancakes di albumi a Davide. 😀

Ho lasciato le pesche intere, se preferite una distribuzione piu’ uniforme, potete tagliarle a pezzetti e mescolarle all’impasto. E per un tocco in piu’, potete aggiungere degli amaretti sbriciolati, che ci starebbero divinamente. 😉

Vi auguro una buona giornata golosauri!

Ingredienti per la torta alle pesche sciroppate

3 albumi (120g)
100 g di zucchero
200 ml di succo di frutta alla pesca o latte
100 g di olio di semi
240 g di farina
16 g di lievito per dolci
zuccherini per decorare
7 pesche sciroppate

Come fare la torta alle pesche sciroppate

In una ciotola mescolate olio, succo di futta e zucchero.

Aggiungete farina e lievito setacciati.

Aggiungete gli albumi montati a neve.

Versate in uno stampo del diametro di 26cm, dopo averlo unto con un po’ di burro o rivestito di carta da forno.

Aggiungete le pesche sciroppate.

Decorate con gli zuccherini.

Cuocete in forno preriscaldato statico a 180° per circa 40 minuti.

Lasciate raffreddare completamente prima di togliere dallo stampo.

Servite la vostra torta alle pesche sciroppate. 😀

Come conservare

Si conserva per 2 giorni ben chiuso in frigo. 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 13:06

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP