Paccheri ripieni freddi

Difficoltà:
Cottura:
15 min
Preparazione:
25 min
Per:
12
paccheri

Quando arriva il caldo, la mia mente vola subito verso le ricette di pasta fredda, e questa volta ho voluto preparare qualcosa di particolare: dei paccheri ripieni da mangiare freddi, preferibilmente con le mani. 😀

Io li ho serviti raggruppandoli ed avvolgendoli nel prosciutto, ma se state allestendo un buffet, potete disporli separatamente e mettete il prosciutto attorno ad ogni singolo pacchero, magari utilizzandone qualche fetta in più di quelle indicate nelle dosi.

Vi auguro una buona giornata golosauri!

 

Ingredienti per i paccheri ripieni freddi

12 paccheri
250 g di zucchine
250 g di ricotta
mezza cipolla
25 g di parmigiano
4 fette di prosciutto crudo
olio extravergine d'oliva
basilico
sale
pepe

Come fare i paccheri ripieni freddi

Cuocete i paccheri in abbondante acqua salata (magari calatene qualcuno in più perchè in cottura capita sempre che una piccola parte si rompa 😉 ). Scolateli e lasciateli raffreddare, dopo averli unti con un pochino d’olio.

In una padella rosolate la cipolla.

Aggiungete le zucchine (grattugiate con una grattugia a fori larghi) ed un po’ di sale.

Fate cuocere 5 minuti, fino a che non si saranno asciugate ben bene. Spegnete ed aggiungete la ricotta, il parmigiano, un po’ di basilico ed il pepe.

Lasciate raffreddare e trasferite il composto in una sac à poche.

Farcite i vostri paccheri e metteteli in piedi in un piatto.

Avvolgeteli con il prosciutto, aggiungete un po’ di basilico e servite i vostri paccheri freddi.

Come conservare

Si conserva per 2 giorni ben chiuso in frigo. 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 10:12

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP