Taralli

Difficoltà:
Cottura:
35 min
Preparazione:
40 min + riposo
Per:
45
taralli

I taralli pugliesi sono taralli al vino aromatizzati solitamente con semi di finocchietto, pepe o peperoncino. Si preparano in maniera abbastanza semplice, non contengono lievito e, una volta assaggiati, difficilmente riuscirete a mangiare di nuovo quelli confezionati.

Ho deciso di preparare i tarallini salati ieri sera, perchè più che di una cena, avevo voglia di aperitivo a base di rusticini e formaggio; li ho aromatizzati con cipolla in polvere e rosmarino, perchè in casa mia il finocchietto è bandito ed io non amo le cose al peperoncino. Potete divertirvi ad aggiungere all’impasto le erbe aromatiche e le spezie che preferite così da creare la ricetta dei taralli che più fa per voi!

Vi auguro una buona giornata ape-golosauri!

Ingredienti

250 g di farina
125 ml di vino bianco
50 ml olio extravergine d'oliva
6 g di sale
Per aromatizzare:
1 cucchiaino di semi di finocchietto , pepe, peperoncino, cipolla in polvere, etc

Preparazione

In una ciotola setacciate la farina e mescolatela con il sale. Al centro mettete il vino e l’olio.

Lavorate fino ad ottenere un impasto omogeneo ed elastico. Aggiungete l’aroma che avete scelto, io ho diviso l’impasto in due parti, ad una ho aggiunto cipolla e pepe.

All’altro cipolla e rosmarino tritato.

Avvolgete nella pellicola e fate riposare trenta minuti a temperatura ambiente.

Ricavate dei salsicciotti spessi poco meno di un centimetro.

Ricavatene un pezzo di circa 8 cm di diametro e chiudeteli dando la forma dei tarallini.

Teneteli tutti pronti su un vassoio o un tagliere.

Fate bollire dell’acqua leggermente salata e tuffatevi i taralli, pochi per volta. Appena salgono a galla trasferiteli su un canovaccio e lasciateli asciugare.

Trasferiteli su una teglia rivestita di carta da forno.

Cuocete in forno preriscaldato ventilato a 180° per circa 30 minuti.

Lasciate raffreddare in forno spento con lo sportello aperto e servite i vostri taralli al vino! :)

Come conservare

Si conserva per 1 settimana ben chiuso a temperatura ambiente.
 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

Ricette simili


Chi sono

Pubblicato da Elena Amatucci il alle 10:55

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

Commenti

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualmente sono presenti 8 commenti a "Taralli"

(media voti:5 su 8 commenti)
  1. grazie golosauri! 😀

  2. Fatti oggi. Devo migliorare la forma. Il buco era strettino, nonostante non abbia proprio delle dita da pianista… 😀 In ogni caso sono buonissimi! Ho usato aglio in polvere e poi metà con pepe e metà con rosmarino. Li stiamo gustando intingendoli nell’hummus. Gnam gnam!!!

  3. Fatti stamattina, sono venuti benissimo! Metà al pepe nero e metà cipolla e rosmarino! Li rifarò sicuramente come aperitivo per il pranzo di Natale.

  4. grazie fanciulle! :)
    ornella aggiungerei un po’ di concentrato di pomodoro, origano e parmigiano! :)
    francesca ho usato 00! :)

  5. Non vedo l’ora di farli e assaggiarli….vorrei smettere con quelli comprati….. questi sono sicuramente molto più buoni e sani….. cipolla e rosmarino davvero splendido abbinamento :-)

  6. Fantastici la mia bimba ne va matta!!!Per farli alla pizzaiola cosa devo aggiungere??saluti

  7. Fantastici..io ne vado matta ..proprio ieri sera ho comprato una confezione..non avevo idea di come si preparassero…prima possibile ci provo ..grazie mille! 😉

  8. Ciao Elena…. bellissimi !!!!! Li proverò oggi stesso !!!
    Che tipo di farina hai utilizzato .”0″ o “00” ?

TOP