Risotto al topinambur

Difficoltà:
Cottura:
35 min
Preparazione:
10 min
Per:
2
persone

Ho scoperto il topinambur solo da pochi anni, si tratta di un tubero che ha la forma dello zenzero, ha la consistenza delle patate ed il sapore ricorda incredibilmente i carciofi. Non era molto semplice da trovare qui a Napoli, poi qualche settimana fa il mio proprietario di casa (che mi ha dato sia materia prima che suggerito la ricetta) mi indica dei fiori e mi dice che si tratta del fiore di topinambur, e che tra un po’ avremmo anche potuto mangiarcelo. Immaginatevi la mia faccia: dopo aver fatto incetta di topinambur a Torino, mesi fa, scopro che erano praticamente sotto casa. 😀

Visto che qui a casa siamo in fase “depurativa” ho usato poco olio, niente formaggio ne’ burro. Potete aggiungere a fine cottura un trito di prezzemolo o prima di iniziare a cuocere, un po’ di rosmarino. Io ho usato il riso tipo Roma, ma va bene un qualsiasi riso per risotti!

Vi auguro una buona giornata golosauri!

 

Ingredienti per il risotto al topinambur

160 g di riso
300 g di topinambur
1 spicchio d'aglio
olio extravergine d'oliva
600 ml di brodo vegetale
sale
pepe

Come fare il risotto al topinambur

Prendete il topinambur e sciacquatelo per bene, io ho lasciato la buccia, se preferite potete pelarlo con un pelapatate.

Tagliatelo a pezzetti piccoli, in modo da farlo cuocere velocemente.

In una padella rosolate uno spicchio d’aglio. Aggiungete il topinambur e fatelo insaporire un paio di minuti.

Aggiungete acqua e un pizzico di sale. Coprite con un coperchio e fate cuocere 15-20 minuti, fino a che non si sarà ammorbidito.

Tenetelo da parte con l’eventuale liquido presente.

In una padella scaldate un paio di cucchiai di olio e tostate il riso un paio di minuti rigirandolo spesso.

Appena diventa trasparente, aggiungete il topinambur e fate assorbide il liquido presente.

A questo punto coprite con il brodo ed un po’ di sale. Io ne ho messo metà del brodo ed aggiunto un altro po’ dopo, regolatevi con il grado di cottura del riso.

Appena il riso sarà pronto, spegnete, aggiustate di sale e pepe e servite.

Come conservare

Da consumare al momento. 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 11:18

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP