Tartufini rocher

Difficoltà:
Cottura:
Senza cottura
Preparazione:
40 min + riposo
Per:
12
tartufini

I tartufini rocher sono la versione semplificata dei miei ferrero rocher fatti in casa. Infatti invece di formare le cupolette con biscotti e burro, ho semplicemente tritato i wafer, li ho mischiati con la nutella, messo al centro una nocciola e ricoperti di cioccolato. :) Sono davvero super veloci da preparare, e mi sono stati di grande aiuto ieri, che non avevo tantissimo tempo da dedicare al dolce! 😀

Appena compro i wafer bianchi, faccio anche la versione semplificata dei raffaello! Questa ricettina puo’ essere preparata con un paio di giorni di anticipo, dato il freddino che fa potete conservarli anche a temperatura ambiente! :)

Vi auguro una buona giornata!

Ingredienti per i tartufini rocher

125 g di wafer alla nocciola
100 g di nutella
12 nocciole
100 g di cioccolato al latte
30 g di granella di nocciole

Come fare i tartufini rocher

Con l’aiuto diun mixer o un frullatore, tritate finemente i wafer.

Aggiungete la nutella (possibilmente fludia! :) ).

Mescolate e prendete un pochino di questo composto e mettete al centro una nocciola. Chiudete e date la forma di una pallina.

Mettete in freezer per venti minuti.

Sciogliete il cioccolato al latte a bagnomaria o al microonde ed aggiungete la granella di nocciole.

Tuffatevi le palline che avete formato e ricopritele di cioccolato.

Poggiatele su un po’ di carta da forno e aspettate che il cioccolato si sia solidificato prima di servire i vostri tartufini rocher! :)

Come conservare

Si conserva per più di una settimana ben chiuso a temperatura ambiente. 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 11:12

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP