Torta Arlecchino

Difficoltà:
Cottura:
40 min
Preparazione:
20 min
Per:
10
persone

La torta arlecchino è un dolce che potete preparare per i vostri bambini in occasione del carnevale, magari per una festa con gli amichetti che resteranno sicuramente stupiti! Si tratta di una torta a strisce coloratissima, come il costume di Arlecchino, per l’appunto, e a mano a mano che mettete l’impasto nella teglia, vi sembrerà quasi di fare una magia! :)

Non credo esista una base ufficiale per la torta arlecchino, è importante che l’impasto sia abbastanza fluido in modo che a mano a mano che lo metterete a cucchiaiate nella teglia, questo si distenderà formando dei cerchi concentrici. Io ho usato una base infallibile: la ciambella all’acqua! Veloce, economica e di sicura riuscita. :) Ho preferito i coloranti in pasta perchè ne servono davvero due gocce, se non li trovaste, potete usare quelli liquidi, regolandovi con l’intensità colore (ma sempre senza esagerare!).

Vi auguro una buona giornata! :)

Ingredienti

4 uova
200 g di zucchero
150 g di acqua
150 g di olio di semi
330 g di farina
16 g di lievito per dolci
buccia di limone grattugiata
coloranti in pasta (io ho usato verde, viola, giallo, rosso e azzurro)

Preparazione

In una ciotola lavorate uova e zucchero.

Aggiungete olio, acqua ela buccia di un limone grattugiata.

Aggiungete farina e lievito setacciati.

A questo punto pesate l’impasto totale (a me era circa un chilo) e dividetelo in 5 parti uguali. In ogni parte mettete un paio di gocce di coloranti alimentari in pasta e mescolate per bene.

Prendete una tortiera del diametro di 24 cm e imburratela e infarinatela (o rivestitela di carta da forno).

Mettete al centro un paio di cucchiai di impasto.

Al centro mettete un altro paio di cucchiai di imasto di un altro colore.

Mettete ancora un altro paio di impasto.

Continuate fino a terminare tutti gli impasti colorati.

Cuocete in forno preriscaldato statico a 180° per circa 40 minuti (fate la prova stecchino!).

Lasciate raffreddare e servite la torta arlecchino! :)

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

Ricette simili


Chi sono

Pubblicato da Elena Amatucci il alle 11:08

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

Commenti

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualmente sono presenti 10 commenti a "Torta Arlecchino"

(media voti:3 su 10 commenti)
  1. merylu sono telepatica! 😀
    veronica quelle fritte o al forno? cmq l’ostia si applica con della gelatina (credo vada bene anche il tortagel!). spennelli un po’ di gelatina sotto l’ostia e la poggi poi sulla torta. e spennelli con un altro po” di gelatina sopra. poi ci puoi fare dei ciuffeti di panna attorno, in modo da coprire il bordo dell’ostia! :)

  2. la torta al ferrero rocher la faro stasera cosi provero se x lui e gradita poi al suo compleanno gli e la faro ricoperta con la panna in torno e l’ostia sopra ma una volta messa l’ostia cosa si deve fare??????? ps stasera ho fatto le chiacchiere ma si sono gonfiate e hanno il sapore delle zeppoline e l’impasto si screpolava mi sai dire xche e cosa devo aggiungere grazie

  3. Stavo cercando qualcosa da prepare x portare lunedi x carnevale a scuola di sere…e toh mi podti qst torta…mitico…domani la preparo…grande ele…

  4. grazie ro’! 😀
    sabrina inizalmente volevo farla proprio così, usando coloranti naturali, ma poi ho ceduto alle 10 gocce di colorante! 😀 le forchettine me le ha regalate mia mamma per natale, per fare le foto! ^_^
    ciao veronica, grazie! potresti fare la torta ferrero rocher ricoprendola con la panna invece che col cioccolato, in modo da poter mettere l’ostia!
    eccoti la ricetta:
    http://www.gnamgnam.it/2012/11/26/torta-ferrero-rocher.htm

  5. ciao elena volevo fartii i miei complimenti da quando ho scoperto questo sito mio suocero si complimenta sempre grazie a te vorrei chiederti se come a giorni il mio compagno compie gli anni vorrei stupirlo con una torta fatta da me ma usero l’ostia con il disegno ma nn so la ricetta che potrei preparare ma la torta e ben accetta a nutella mi puoi consigliare tu come prepararla passo dopo passo grazi mille

  6. Ciao, di sicuro fa un bell’effetto però preferirei colorarla con qualcosa di naturale, come il succo di qualche frutto o di carota. Quelle forchette colorate ce l’ho anch’io, le ho prese al Panorama, una ogni tot di spesa. Ho rifatto non so quante volte la sbriciolata di nutella, troppo buona! Una è nel forno proprio adesso per domani, c’è una festa di carnevale. Ciao Elena! Sabrina.

  7. Ho letto ora il commento di Elisa..giuro che avrei voluto essere li x vedere la faccia delle maestre :D:D:D

  8. Semplicemente..wow!!!

  9. ahuaeheauhaeue elisa marò, immagino la faccia delle maestre!!! 😀 😀 😀

  10. Vi racconto un aneddoto su questa torta… il mio primo bambino faceva l’ultimo anno di nido e avrebbero fatto la festa in maschera l’ultimo giorno di carnevale. Avevo adocchiato non ricordo dove questa ricetta e l’avevo sperimentata prima per la famiglia per poi mandarne una anche intera all’asilo. Di indubbio effetto scenico, saporita, mio figlio se ne fece una scorpacciata. Il giorno successivo va all’asilo. Mio marito passa a prenderlo dopo pranzo, e trova le insegnanti tutti preoccupate. Iniziano col dire che Antonio, poco prima, aveva fatto una cacca strana, verde, che avevano fatto una ricerca su internet e avevano letto che poteva trattarsi di tifo o qualcosa del genere, che sarebbe stato pericoloso il contatto con gli altri bambini per un possibile contagio, ecc. ecc. mio marito aveva capito fino da subito cos’era successo, ma, divertito, le asciava parlare. Solo alla fine, quando come colpo di grazia gli mostrarono il pannolino con questa cacca verdastra, non riuscì più a trattenere la risata e spiegò della famosa torta arlecchino!!!!!!! Ovviamente tirarono tutte un sospiro di sollievo, ma invitarono mio marito a trattenermi dal proposito di portare la torta all’asilo… avrebbe scatenato una follia generale tra i genitori!!!!!!

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOP