Farinata di ceci

Difficoltà:
Cottura:
30 min
Preparazione:
10 min + riposo
Per:
4
persone

La farinata è una torta salata che prevede pochi, semplici ingredienti: farina di ceci, acqua, olio, sale e pepe. :) Si tratta di un piatto tipico ligure, dove assume il nome di fainà, ma si è diffusa anche nelle regioni limitrofe (io infatti l’ho assaggiata a Torino! :) ) e a Sassari, dove prende il nome di fainè e può essere arricchita con cipolle e salsicce.

La farinata di ceci è abbastanza semplice da preparare, l’unico problema che potreste avere è quello di reperire la farina di ceci, ma leggiucchiando su internet ho visto che si puo’ preparare in casa frullando dei ceci secchi, fino a ridurli in polvere sottilissima! :)

Potete aggiungere alla vostra farinata dei rametti di rosmarino, il risultato sarà eccezionale! :)

Vi auguro buona giornata!

 

Ingredienti per farinata di ceci

200 g di farina di ceci
450 ml di acqua
30 ml di olio extravergine (più extra per la teglia)
sale
pepe

Come fare farinata di ceci

In una ciotola mettete la farina di ceci.

Aggiungete l’acqua poco alla volta, mescolando con la farina. Per evitare grumi, ho passato tutto il composto al setaccio. :)

Coprite e lasciate lievitare a temperatura ambiente per tre ore, mescolando ogni tanto. Trascorso tale tempo, eliminate la schiumetta che si sarà formata in superficie, ed aggiungete olio, sale e pepe.

Ungete una teglia del diametro di 26cm con dell’olio.

Versate il composto della farinata.

Cuocete in forno preriscaldato statico a 220° per circa 30 minuti (la farinata deve risultare ben dorata!).

Ed eccovi la mia farinata di ceci. :)

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 11:23

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP