Tartufone

Difficoltà:
Cottura:
45 min
Preparazione:
60 min + riposo
Per:
12
persone

Il tartufone, chi non lo conosce: un panettone farcito con crema al cioccolato e ricoperto di scagliette di cioccolato! Tartufone è stata anche la risposta del mio ragazzo alla domanda: “Cosa posso preparare in queste feste?”. 😀 E così ho deciso di provarci, usando la mia ricetta del panettone e cercando di semplificarla un po’; beh, vedere la faccia incredula di chi l’ha assaggiato è stata la mia più grande soddisfazione, così vi consiglio di provarlo, se anche voi amate questo dolce, magari per capodanno! :)

Per avere l’effetto tartufone dovrete procurarvi uno stampo semisferico e le codette di cioccolato, che io avevo finito! Se come me badate piu’ alla sostanza che alla forma, va bene anche uno stampo a cerniera classico. 😉

Vi auguro una buona giornata!

Ingredienti

300 g di farina manitoba
100 g di farina 0
20 g di lievito di birra fresco
180 ml di latte tiepido
180 g di zucchero
130 g di burro
2 uova
30 g di miele
5 g di sale
Per la crema al cioccolato:
250 ml di latte
25 g di cacao
25 g di fecola di patate o farina
60 g di zucchero
2 cucchiai di rum per dolci
Per la copertura:
150 g di cioccolato fondente
20 g di burro
codette di cioccolato

Preparazione

Sciogliete il lievito nel latte tiepido con un cucchiaio di zucchero (preso dalla quantità totale). Aspettate che si formi una schiumetta in superficie, segno che il lievito è attivo.

In una ciotola setacciate le due farine e mescolatele con il sale. Mettete al centro il latte con il lievito, lo zucchero, le uova ed il miele.

Lavorate fino ad incorporare la farina. L’impasto risultera abbastanza liquido! :) Aggiungete il burro ammorbidito (non sciolto!) in due tre volte, aspettando che sia stato assorbito prima di aggiungerne dell’altro.

Ed ecco l’impasto, che risulta molto fluido.

Trasferite in una tortiera del diametro di 24cm imburrata o rivestita di carta da forno.

Lasciate lievitare fino a raddoppiamento di volume (io ho fatto lievitare per 12 ore, poggiando gia’ la tortiera sulla gratella che avrei messo in forno e coprendo con una campana di quella per dolci).

Cuocete in forno statico preriscaldato a 180° per circa 30-40 minuti (fate la prova stecchino!). Lasciate raffreddare coprendo con un panno.

Nel frattempo preparate la crema al cioccolato.

In un pentolino setacciate fecola e cacao. Aggiungete lo zucchero.

Mescolando con una frusta, aggiungete a filo il latte, fino ad amalgamare tutti gli ingredienti. Aggiungete i due cucchiai di rum.

Cuocete a fiamma bassa, mescolando continuamente con una frusta, per 5-10 minuti, finchè la crema non si sarà addensata.

Trasferite in un piatto e coprite con la pellicola. Fate raffreddare del tutto.

Mettete la crema in una sac à poche con un beccuccio stretto e lungo.

Farcite il vostro tartufone infilando la sac à poche fino al centro del dolce e premendo un po’ della crema.

Sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente ed il burro.

Versate la glassa sul tartufone

e livellatela. Aggiungete poi le codette di cioccolato (che io non avevo! 😀 ). E servite il vostro tartufone fatto in casa.

Ed ecco il suo morbidissimo e cioccolatosissimo interno! 😀

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

Ricette simili


Chi sono

Pubblicato da Elena Amatucci il alle 11:13

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

Commenti

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualmente sono presenti 58 commenti a "Tartufone"

(media voti:5 su 58 commenti)
  1. ciao annamaria, se lievita prima perchè fa caldo, infornalo pure! a casa mia faceva freddo! :)

  2. Ciao Elena ho provato a fare il tartufone sembrerebbe essere uscito :) solo una domanda è solo un’ora che lievita ed è cresciuto già tanto penso ci vogliano molto meno di 12h sarà perché forse la stanza è calda e batte il sole? O conviene che lo lasci lievitare a lungo anche se ha raddoppiato di volume in meno tempo?grazie ancora

  3. puoi anche non mettere nulla, se non lo vuoi alcolico! :)

  4. Cosa si potrebbe mettere al posto del rum?

  5. grazie mille giuliana! :)

  6. proverò il tartufone deve essere ottimo! Complimenti le tue ricette sono buonissime

  7. ciao isabella, grazie! :) guarda, io ho usato la planetaria, con il gancio ad uncino, seguendo il procedimento che trovi nella ricetta! :) di solito, uso la velocità media, l’impasto è abbastanza fluido, non credo si incordi, basta amalgamare tutto per bene ed è fatta! :)

  8. Ciao,
    è da tempo che seguo il Tuo blog, mi piace tantissimo.
    Bellissima questa ricetta, come al solito.
    Vorrei provare a rifarla ma non ho molta dimestichezza ad usare la planetaria per i lievitati. Mi potresti indicare come comportarsi per fare l’impasto del tartufone: frusta, velocità, sequenza ingredienti, incordature.
    Grazie in anticipo, un bacione, Isabella.

  9. terry se lo sbattitore è abbastanza potente, dovresti poterlo usare tranquillamente! se vedi che l’impasto è troppo resistente, lavoralo a mano! io lo conserverei in frigo, po lo tiri fuori un’oreta prima di servirlo. Se fa abbastanza freddo, puoi tenerlo anche fuori. :)
    guendalina sìsì, stessa quantità! :)

  10. ciao! mi sa che questo sara il mio dolce di natale quest’anno, ma vorrei fare la copertura al cioccolato bianco, devo solo sostituirlo in uguale quantità a quello fondente? grazie mille!

  11. Ciao Elena volevo sapere…non avendo la planetaria…se questo impasto si può fare anche a mano oppure usando i 2 ganci x impastare dello sbattitore elettrico. Questo dolce si può conservare temperatura ambiente coperto da campana di plastica? Grazie mille in anticipo.Complimenti per le ricette golose :) Salutii Terry

  12. ciao michela! sì, il lievito è quello, anche la mia campana era di plastica, quindi vai tranquilla! 😉

  13. Ciao Elena scusami ho un altra domanda il lievito fresco e quel panetto che si trova nel banco frigo del super che si usa anche nella pizza? E poi non ho una canna di vetro x coprirlo c’è l’ho in plastica è uguale? Grazie 1000

  14. mia io userei quello da 20cm! :)
    ross come sei bella! :))) :****

  15. e io mi ero persa questa bonta’, io che sguazzo nel girone dei golosi ti pare che non faro’ una cosa cosi’ buona buonissima….cioccolatosa…..ah quanto sara’ buono………….sei una meraviglia elena, un bacio

  16. cia Elena, è possibile usare uno stampo per panettone? se si di che diametro? grazie!

  17. ciao michela, sì, coprilo, stai solo attenta che grescendo non tocchi cio’ che hai usato per la copertura (per questo io ho messo la campana per dolci e non un canovaccio!) le dosi puoi lasciarle invariate! :)

  18. Un altra domanda scusa ma x uno stampo da 26 come mi regolo con le dosi?

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOP