Riso venere con zucchine e gamberi

Difficoltà:
Cottura:
50 min
Preparazione:
15 min
Per:
2
persone

Il riso venere con zucchine e gamberi è diventato ormai un classico, piu’ elegante del classico risotto zucchine e gamberi, per via del colore nero di questo splendido riso. :)

Ho cercato di fare una versione light del risotto zucchine e gamberi, usando questo riso integrale e pochissimo olio, ma non ho voluto rinunciare al sapore, quindi ho preparato un fumetto di pesce nel quale cuocere il riso per insaporirlo ancora di più. :)

Se non trovaste il riso venere, potete usare il riso classico, anche se ormai si trova negli scaffali di qualsiasi grande supermercato. :)

Vi auguro una buona giornata!

Ingredienti per il riso venere con zucchine e gamberi

160 g di riso venere
4 gamberoni (o 12 gamberi)
250 g di zucchine
1 spicchio d'aglio
1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva
1 costa di sedano
2 pomodorini
sale

Come fare il riso venere con zucchine e gamberi

In una pentola mettete le testa ed il carapace dei gamberoni.

Aggiungete pomodori e sedano.

Coprite con acqua fredda e ponete sul fuoco.

Fate cuocere una ventina di minuti eliminando la schiuma che sale in superficie.

Filtrate il fumetto, salatelo e cuocetevi il riso venere.

In una padella rosolate uno spicchio d’aglio ed aggiungete le zucchine tagliate a julienne.

Aggiungete un mestolo dell’acqua di cottura del riso.

Eliminate l’aglio. Aggiungete il riso un minuto prima che sia cotto, con un po’ dell’acqua di cottura. 

Aggiungete i gamberi e ultimate la cottura per un paio di minuti.

Servite il vostro riso venere con zucchine e gamberi. :)

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 11:36

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP