Dolce freddo al melone

Difficoltà:
Cottura:
Senza cottura
Preparazione:
30 min + riposo
Per:
8
persone

Tra le richieste che mi avevate fatto, c’era un dolce freddo al melone, ed eccovi accontentati! :) Si tratta di un dolce con una base tipo cheesecake e una copertura fresca al melone e yogurt.

Io ho usato uno stampino di 12cm di diametro, raddoppiando le dosi, potete usare uno stampo a cerniera del diametro di 24cm.

So che molte di voi non amano usare la gelatina in fogli, ma in qualche modo dovevo addensare il dolce! Se non volete usarla, potete provare (credo funzioni!) ad eliminare lo zucchero e ad incorporare 400ml di panna vegetale da montare. Avrete un dolce piu’ soffice, ma dovrebbe reggere. :)

Visto che la quantità di acqua contenuta nel melone potrebbe variare, se vedete che una volta frullato è molto molto liquido, potete dimezzare le dosi di panna ed aumentare la gelatina di sei grammi! :)

Infine: io ho aggiunto le palline decorative solo alla fine, in questo modo pero’ non restano bloccate. Per “fissarle” potete, dopo un paio d’ore di riposo in frigo, schiacciarle un po’ sulla superficie del dolce freddo al melone, in modo da incastrarle. 😀

Vi auguro buona giornata!

 

Ingredienti

120 g di biscotti secchi
60 g di burro
500 g di melone (già pulito, piu' qualche pallina extra per decorare)
170 g di yogurt bianco o al melone
200 ml di panna di latte
50 g di zucchero (questa quantità puo' variare in base alla dolcezza del melone!)
12 g di gelatina in fogli

Preparazione

Tritate i biscotti con un mixer o mettendoli in un sacchetto e schiacciandoli con un matterello.

Mescolateli con il burro fuso.

A questo punto io ho usato una cerniera da poggiare direttamente sul piatto, del diametro di 12cm.

Versate i biscotti col burro e schiacciate per bene.

Mettete in frigo.

Prendete la polpa del melone, eliminando i semi. Io ho usato uno scavino ed ho conservato qualche pallina di melone per la decorazione. In totale per la base del dolce, ho usato 500g di polpa. :)

Frullate il melone.

Aggiungete lo yogurt e lo zucchero.

Mettete la gelatina a bagno in acqua fredda per dieci minuti.

Scaldate la panna e scioglietevi la gelatina, dopo averla strizzata.

Mescolate al composto di melone e versate nello stampo (magari senza sporcare come me 😀 ).

Lasciate riposare in frigo per almeno sei ore. Decorate il dolce freddo al melone con le palline di melone che avete conservato. :)

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

Ricette simili


Chi sono

Pubblicato da Elena Amatucci il alle 11:51

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

Commenti

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualmente sono presenti 38 commenti a "Dolce freddo al melone"

(media voti:5 su 38 commenti)
  1. Buongiorno chiara! potrebbe essere dipeso dalla quantità di acqua contenuta dal melone, e che, una volta frullato, è diventato piu’ liquido! che gelatina hai usato? La prossima volta, se ti va di riprovare, puoi dimezzare le dosi di panna ed aumentare quelle di gelatina di 6 grammi, così non dovresti avere nessun problema! :)

  2. Ho seguito attentamente le istruzioni raddoppiando le dosi come suggerito da voi a pag. 91 della risvista OGGI n° 28 del 09 luglio 2014, ma il dolce non mi è riuscito poiché a mantenuto la consistenza di una mousse e non si è rassodato nonostante sia rimasto in frigo per ben 15 ore.
    Dove ho sbagliato? Grazie .
    Attendo una Vostra risposta.
    Cordiali Saluti.
    Chiara.

  3. figurati! :)

  4. grazie mille, buona idea! :)

  5. lianetta puoi provare con uno di quei budini alla vaniglia che hanno la consistenza dello yogurt, ma non sono acidi! :)

  6. Maaa al posto dello yoghurt posso usare qualcos’altro??? Il sapore acidulo mi dà un pò fastidio….. Lo so, sn particolare io ihihih 😀

  7. ilenia non so dirti! :( ma sei riuscita a sformarla e si è afflosciata dopo? che gelatina hai usato?
    federica quando raddoppio, raddoppio tutto! calcola che ci sono parecchi liquidi, quindi serve molta gelatina! se usi uno stampo da 24, devi almeno raddoppiare le dosi! :)

  8. Ciao Federica posso sapere se a te la torta è riuscita?

  9. Avendo uno stampo da 26 e da 28 quali dosi dovrei fare?

  10. Elena ma se raddoppio le dosi devo raddoppiare anche la gelatina? 24g non sono troppi?

  11. Non so cosa sia successo ma quando ho sformato la torta, dopo 5 minuti si è afflosciata :( ..eppure è stata una notte+un pomeriggio in frigo e penso di aver seguito bene tutta la ricetta…elena cosa sarà successo?:(

  12. ilenia puoi prepararlo tranquillamente venerdì sera! :)
    giulia non saprei, alla fine com’è venuto? :S

  13. Elena però dice di lasciarlo in frigo almeno sei ore…fammi sapere , devo farlo anche io tra un paio di giorni! !

  14. Ciao ho appena fatto questa delizia ma dopo 3 ore è praticamente liquido.
    C’è speranza che si solidifichi in seguito? Se metto in freezer?
    Mannaggia non so proprio che ho sbagliato =_=

  15. Ciao elena, vorrei fare questo dolce per sabato sera siccome sono invitata a cena, mi consigli di farlo venerdì sera oppure sabato mattina?

  16. grazie vale bella! :))) :***

  17. Ciao Elena :-) questa torta lo fatta sabato con una tortiera di 24 cm. A parte la facilità vogliamo parlare del gusto??? è buonissima davvero, sembra quasi di mangiare un gelato al melone :-D. La prossima volta la faccio il giorno prima così sarà ancora più fresca 😉

  18. ciao patrizia, sì, sicura, perchè la uso per sciogliere la gelatina, è quella che fa addensare! :(

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOP