Graffe

Difficoltà:
Cottura:
10 min
Preparazione:
1 h e 20 min + riposo
Per:
15
graffe

Le graffe sono delle ciambelle fritte napoletane ricoperte di zucchero, molto soffici e fragranti. :) Qualche anno fa ho fatto una versione delle graffe senza patate, qualche giorno fa ho deciso di fare anche la versione originale.

Le graffe non sono difficili da fare, ma richiedono molto tempo di lievitazione in quanto vanno lasciate lievitare tre volte.

Io di solito non le mangio, perchè non amo i dolci fritti. Ma quando qualche sera fa mi sono trovata a friggerle, non ho resistito, erano troppo invitanti! E mi sono dovuta ricredere sulla bontà di questo dolce! :)

 

Ingredienti

300 g di farina manitoba
50 ml di latte tiepido
10 g di lievito di birra fresco
2 uova piccole
40 g di zucchero più extra per ricoprire le graffe
50 g di burro
5 g di sale
15 ml di limoncello
170 g di patate farinose
olio di semi per friggere

Preparazione

Nel latte sciogliete il lievito e 20g di zucchero.  Aspettate che si formi una schiumetta in superficie, segno che il lievito è attivo.

Disponete a fontana 75g di farina e aggiungete il latte con il lievito.

Mescolate fino ad ottenere un impasto omogeneo. Coprite e lasciate lievitare fino a raddoppiamento di volume (circa un’ora).

Nel frattempo bollite le patate con tutta la buccia fino a renderle morbide. Schiacciatele con uno schiacciapatate e fate intiepidire.

Questo è il panello lievitato.

In un altro contenitore lavorate le uova con lo zucchero rimanente, il sale ed il limoncello.

Aggiungete la farina rimanente setacciata.

Aggiungete le patate.

Mescolate i due impasti.

Aggiungete il burro a pezzetti, a temperatura ambiente.

Lavorate il tutto, trasferite su una spianatoia infarinata.

Lavorate qualche minuto l’impasto, dopodichè trasferite in una ciotola leggermente infarinata.

Coprite e lasciate lievitare un paio d’ore.

Stendete l’impasto delle graffe su un piano infarinato e ricavatele dei dischi. Potete un tagliapasta circolare del diametro di 8cm e uno piccolo per fare il buco al centro, oppure potete dare la forma di ciambella con le mani.

Trasferite su un piano infarinato e coprite. Io ho conservato ovviamente anche  i pezzetti centrali tondi. :)

Lasciate lievitare almeno un’altra ora.

Cuocete le graffe in olio caldo ma non esageratamente bollente.

Cuocete qualche minuto del lato, scolate le graffe e fate asciugare l’olio in eccesso. Passate nello zucchero semolato.

Ed ecco le mie graffe! :)

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

Ricette simili


Chi sono

Pubblicato da Elena Amatucci il alle 13:04

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

Commenti

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualmente sono presenti 20 commenti a "Graffe"

(media voti:5 su 20 commenti)
  1. marika con la manitoba vengono più soffici, se non la trovi, puoi usare quella normale. :)

  2. La farina normale nn si può usare si deve per forza usare q

  3. La farina normale nn va bene si deve usare forza quella manitoba

  4. grazie vincenzo! :)

  5. sei grande.

  6. fammi sapere roberta! ^_^

  7. sembrano molto invitanti,proverò a farle!!

  8. ciao gabriele! per evitarlo puoi o fare in modo che il telo non tocchi le graffe oppure spennellarle con un po’ d’olio! :)

  9. ciao ele, scusa se metto a lievitare le ciambelle su un piano, coperte da un telo di cotone, quest’ultimo non si incolla in lievitazione???

  10. figurati! :)

  11. Grazie mille!!!!

  12. valentina circa un centimetro! :)

  13. Voglio provare a farle!! Ho da farti una domanda.
    Che spessore deve avere l’impasto, quando lo stendi per fare le ciambelle? Grazie

  14. mi sembra giusto! 😀

  15. hahahahahahhahhaha e allora le faccio entrambe

  16. ciao gabriele, credo siano la stessa cosa, cambia solo il nome! :)

  17. che fine ha fatto il mio commento?? prima c’era! booh comunque ti chiedevo elena la differenza tra le graffe e le zeppole di patate

  18. ciaaao…sono sempre il solito pignolo..:) mi diresti la differenza tra le graffe e le zeppole di patate? xke sembra che tra le graffe con patate e le zeppoli di patate non ci siano differenze…

  19. grazie matilde. :)

  20. Buonissime ne mangerei proprio una adesso…sono molto invitanti brava

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOP