Polpette di scarole

Difficoltà:
Cottura:
40 min
Preparazione:
25 min
Per:
12
polpette

Ieri sera ho preparato queste polpette di scarole per utilizzare delle scarole gia’ cotte che avevo in frigo. :) Possono tornarvi utili se vi avanzano delle scarole in padella e volete riproporle sotto altra forma, come le polpette. Magari è anche un modo simpatico per far mangiare un po’ di verdura ai vostri bambini. 😀

Ho cotto le polpette di scarole in forno, in modo da renderle piu’ leggere. Volendo potete friggerle, magari dopo averle passate in un po’ di pangrattato. :)

Infine, se vi piace l’uvetta, potete aggiungerla all’impasto delle vostre polpette di scarole. 😉

Ingredienti

1 scarola
200 g di pane
1 uovo
4 noci
20 g di parmigiano grattugiato o a scaglie
sale
pepe

Preparazione

Pulite le scarole eliminate qualche foglia esterna più dura e staccando poi le foglie interne dal torsolo della scarola. Sciacquate per bene le foglie che avete staccato e mettete in una pentola capiente con un pochino di sale.

Coprite e lasciate cuocere a fiamma bassa per una ventina di minuti, girando di tanto in tanto. Scoprite, lasciate evaporare l’acqua e fate raffreddare.

In una terrina mettete il pane, le scarole, le noci, l’uovo ed il parmigiano. Aggiungete anche un po’ di sale e pepe. Se il pane fosse troppo duro, ammorbiditelo con un po’ di latte. Al contrario, se dopo aver impastato il tutto risultasse troppo morbido, potete aggiungere un po’ di pangrattato. :)

Formate delle polpettine e mettetele su una teglia rivestita di carta da forno (io ho messo un tappetino di silicone :) ).

Cuocete in forno preriscaldato ventilato a 200° per circa 15-20 minuti. Servite le polpette di scarole. :)

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

Ricette simili


Chi sono

Pubblicato da Elena Amatucci il alle 13:02

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

Commenti

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualmente sono presenti 10 commenti a "Polpette di scarole"

(media voti:3 su 10 commenti)
  1. buonissime! 😀

  2. oggi ho ri-fatto le polpette di scarola ma…in una versione anticolesterolo!Avevo delle scarole lessate e un po’ di ricotta avanzate.le ho frullate nel bimby con pane grattugiato.ho fatto le 6 polpette e le ho “fritte” con actyfry tefal (friggitrice che frigge senza olio-praticamente è un fornetto a piastrarotonda con movimento rotatorio interno).ovviamente sono ottime in fornate.
    sono senza uovo e formaggio e non gritte!più dietetiche di così!

  3. devono essere proprio buone! :)

  4. direi ottime le ricettine proposte, in modo particolare segnalo quella con la scarola .
    io vorrei proporvi <>; si tratta di una polenta macinata grezza ( a pietra) addizionata a una piccola perncentuale di funghi trifolati ! Il tutto modellato a piccola sferetta e poi fritte !1 provare .. lasciatemiu commento se ritenete

  5. grazie per i consigli! :)

  6. ho fatto le polpette con tonno e quelle con scarola.Le prime le ho cotte con actyfry tefal e sono risulate ottime anche il giorno dopo.Sulle altre ho praticato 2 modifiche,una involontaria e una volontaria.La prima, invece del pane in cassetta ho usato quello di grano giallo vecchio bagnato(involontaria).Questo ha reso le polpette più dure.Le ho iniziato a cuocere con tefal ma non mi piacevano e così le messe in forno.Erano ottime appena sfornate ma poi sono diventate eccezionali quando le ho immerse ,tipo canederli,nel brodo in cui avevo cotto un minestrone di verdure (o nel brodo di dado bimby)il giorno dopo(volontaria).Le consiglio così.

  7. grazie patrizia, io credo che un blog di cucina debba parlare quasi esclusivamente di cucina! :)

  8. Elena, sei molto brava e creativa. Ti leggo sempre. Mi piace il tuo modo semplice eppure preciso e rigoroso di illustrare le ricette. E anche la sobrietà con la quale racconti qualcosa del contesto in cui è nata la ricetta, ma senza esagerare con i dettagli della tua vita privata. Ciao

  9. grazie patrizia. :)

  10. Belle! Ottima idea. Brava!

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOP