Pandoro

Difficoltà:
Cottura:
40 min
Preparazione:
60 min
Per:
8
persone

Quest’anno credo di essermi superata: ho preparato il pandoro in casa (ed il panettone che vedrete domani!). Credo che mai ricette mi abbiano intimorita di piu’ come queste due, e quando ho tirato fuori dal forno i due dolci, mi sono davvero emozionata! :) Esistono diverse ricette di pandoro, questa è una ricetta semplificata e che ho adattato ai miei gusti e al mio sesto senso. :) In realtà il pandoro andrebbe sfogliato (come si fa con la pasta sfoglia, appunto), questa è la ricetta senza sfogliatura, per iniziare ad approcciare questo dolce. L’anno prossimo mi lancerò nella preparazione del pandoro sfogliato. 😀

Ho cercato di darvi una ricetta chiara ed immediata, e che permetta a chiunque di preparare il pandoro fatto in casa, evitando  di saltare da un sito all’altro cercando di trovare una via di mezzo fattibile, come ho fatto io. Vi basterà avere tempo ed un’impastatrice (a meno che voi non siate dotati di muscoli sovrumani!). Più facile di così non potevo rendervela! 😀

Negli ingredienti ho messo la somma totale di tutti gli ingredienti. La preparazione si divide in tre fasi: la preparazione della biga (che io ho fatto di mattina, verso le undici); il primo impasto (che ho fatto verso le quattro di pomeriggio); l’ultimo impasto (fatto di sera, per poi lasciar lievitare tutta la notte). E poi la cottura, ovviamente. :)

Lo stampo che ho usato è per un pandoro da 1kg! Per un pandoro piu’ soffice potete sostituire una parte di farina con farina manitoba, magari metà e metà!

Spero di essere piu’ chiara possibile! 😀

ATTENZIONE: i tempi di lievitazione sono indicativi, dipende dalla temperatura della vostra cucina. :) Ho tra l’altro sostituito la farina 0 con quella manitoba ed il risultato è stato più soffice! :)

Ingredienti

310 g di farina manitoba (piu' extra per lo stampo ed il piano da lavoro)
25 g di acqua
10 g di lievito di birra fresco
140 g di burro (piu' extra per lo stampo)
4 tuorli
2 uova intere
125 g di zucchero a velo (piu' extra per decorare)
10 g di miele
5 g di sale
1 stecca di vaniglia

Preparazione

1) Biga:

50g di farina
25g di acqua tiepida
10 g di lievito di birra

Disponete la farina setacciata a fontana e mettete al centro il lievito e l’acqua.

Impastate partendo dal centro fino ad incorporare tutta la farina.

Coprite con la pellicola trasparente e lasciate lievitare fino a raddoppiamento di volume (io l’ho lasciato circa un’ora e mezza).

2)Secondo impasto:

90 g di farina
25g di zucchero a velo
2 tuorli

Mettete la biga nell’impastatrice insieme alla farina e lo zucchero a velo setacciati.

Impastate a velocità minima 5-10 minuti.

Aggiungete i tuorli sbattuti un poco alla volta.

Lasciate impastare fino ad ottenere un composto omogeneo (circa 15 minuti). A questo punto trasferite sul tavolo infarinato ed impastate un po’ con le mani.

Coprite con la pellicola trasparente e lasciate lievitare fino a raddoppiamento di volume (io l’ho lasciato circa 5 ore).

3) Terzo impasto:

170g di farina
100g di zucchero a velo
5g di sale
10g di miele
2 tuorli
2 uova intere
una stecca di vaniglia
140g di burro

Mettete nell’impastatrice l’impasto insieme a metà della farina e dello zucchero a velo setacciati.

Fate impastare per 5 minuti a velocità minima.

Aggiungete il sale, il miele, i semi della vaniglia, .

Aggiungete poco alla volta le uova e i tuorli sbattuti.

Aggiungete il resto della farina e dello zucchero a velo setacciati.

Lavorate il burro ammorbidendolo con una forchetta (non deve essere sciolto, solo a temperatura ambiente!).

Aggiungetelo all’impasto poco alla volta, mentre l’impastatrice lo lavora.

Trasferite sul piano da lavoro, impastatelo un po’ con le mani e formate una palla.

A questo punto impastate come in foto, prendendo un po’ di impasto dall’altro e portandolo verso il centro.

Un altro lembo di impasto un po’ piu’ giu’ (in senso orario) e portatelo al centro.

Continuate..

.. fino a completare la circonferenza.

A questo punto mettete l’impasto nello stampo imburrato e infarinato, rivolgendo la parte liscia verso il basso.

Lasciate lievitare tutta la notte (io l’ho lasciato a riposo per circa 14 ore).

A questo punto cuocete il pandoro in forno (statico) preriscaldato a 180° per circa 40 minuti (fate la prova dello stecchino!). Se vedete che si scurisce troppo, coprite con un po’ di alluminio.

Lasciate raffreddare completamente il pandoro coprendolo con un panno prima di sformarlo. :) Coprite con lo zucchero a velo.

Consigli

Usate sempre prodotti di prima qualità, soprattutto burro e uova, che sono alla base di questa ricetta. Per stare piu' tranquilli ed evitare pasticci, potete dividere la farina da aggiungere al primo impasto a metà ed aggiungere la prima parte all'inizio, poi il resto degli ingredienti, e alla fine l'altra metà, dopo che si è amalgamato il tutto. E potete fare la stessa cosa anche per il secondo impasto. :)

Varianti

Se non trovate la stecca di vaniglia usate della vanillina.
 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

Ricette simili


Chi sono

Pubblicato da Elena Amatucci il alle 00:01

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

Commenti

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualmente sono presenti 43 commenti a "Pandoro"

(media voti:5 su 43 commenti)
  1. camilla volendo sì, ma è molto molto faticoso!

  2. Ciao, è una preparazione fattibile anche senza impastatrice?

  3. nunzia potrebbe dipendere dal burro che, scaldandosi, si è sciolto ammorbidendo l’impasto. la prossima volta prova a metterlo un pochino in frigo, per farlo rassodare, non aggiungere altra farina. :)

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOP