Risotto spinaci e nocciole

Difficoltà:
Cottura:
25 min
Preparazione:
10 min
Per:
4
persone

 

Questo risotto spinaci e nocciole è nato per caso, come quasi tutte le mie ricette. 😀 La settimana scorsa avevo voglia di preparare qualcosa di buono, ma in casa non c’era quasi niente, a parte degli spinaci surgelati e delle nocciole. Dopo aver pensato a vari piatti, ho optato per il più semplice e veloce: un risotto. 😀

Ed ecco cosa ne è uscito fuori. 😉

 

 

Ingredienti per il risotto spinaci e nocciole

320 g di riso
400 g di spinaci surgelati (se li avete freschi, tanto meglio ;) )
60 g di nocciole già sgusciate
olio extravergine d'oliva
30 g di cipolla
1 spicchio d'aglio
30 ml di panna
50 g di parmigiano grattugiato
50 ml di vino bianco
500 ml di brodo vegetale
sale
pepe

Come fare il risotto spinaci e nocciole

In una padella far rosolare uno spicchio d’aglio, tuffarvi gli spinaci e lasciarli cuocere una decina di minuti, coprendoli.

In un’altra padella rosolare la cipolla.

Aggiungere il riso e farlo tostare un minuto.

Aggiungete le nocciole tragliate a metà e fate tostare una trentina di secondi.

Sfumare col vino bianco.

Aggiugnere il sale. Aggiungere il brodo un mestolo per volta, aspettando che si sia riassorbito prima di aggiungerne dell’altro.

Dopo 5 minuti aggiungere gli spinaci.

Dopo altri cinque minuti, aggiungere la panna.

Quando il riso sarà quasi pronto, aggiungete il parmigiano e mantecate.

Spegnere il fuoco, coprire con un coperchio per un minuto e servire il vostro risotto con spinaci e nocciole. 😉

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!


Pubblicato da Elena Amatucci il alle 07:00

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

TOP