Croquembouche

Difficoltà:
Cottura:
1 h e 10 min
Preparazione:
60 min
Per:
30
persone

Oggi vi propongo una ricetta dolce che volevo fare da tantissimo tempo: la croquembouche!

Vi confesso che la prima volta che ho visto questo dolce, è stato nel telefilm Desperate Housewives: c’era Bree alle prese con questa montagna di bignè e col caramello. E’ stato amore a prima vista, mi sono armata di coraggio e ieri finalmente ho fatto la mia prima croquembouche. :)

La croquembouche è un dolce francese e letteralmente significa “crocca in bocca”. Si tratta di una montagna (o un cono, per i più pignoli :P) di bignè, tenuti insieme dal caramello ed avvolti in fili dorati (sempre di caramello).

Per fare la croquembouche servirebbero due attrezzi: una particolare frusta da cucina con l’estremità “tagliata” per fare i fili di caramello e un cono ENORME nel quale vanno messi i bignè per ottenere la tipica forma da croquembouche. Beh, non vi spaventate: la frusta potete sostituirla con una forchetta o potete tagliare una frusta vecchia (io ho fatto così :P).  Per il cono..beh, non avevo intenzione di andare alla ricerca di questo aggeggio (non so nemmeno se l’avrei trovato!), così ho fatto manualmente la montagna di bignè (e si vede, sembra un po’ pericolante :P).

Devo fare dei ringraziamenti: a mio fratello per la consulenza tecnico-ingegneristica, a mia madre per aver pulito la cucina caramellata, a mio padre e mio fratello per aver resistito all’impulso di mangiare tutti i bignè prima che la croquembouche fosse pronta. 😀

Per rendere la ricetta adatta per gli intolleranti al lattosio, potete sostituire il latte normale ed il burro con latte di soia e margarina. 😉

Ingredienti

Per i bignè:
375 ml di acqua
150 g di burro
30 g di zucchero
1 pizzico di sale
225 g di farina
6 uova (se sono le piccole, anche 7)
Per la farcia:
750 ml di latte
7 tuorli
250 g di zucchero
120 g di farina (o di amido di riso)
buccia grattugiata di un'arancia
Per il caramello:
500 g di zucchero

Preparazione

Prepariamo i bignè. :)

In una pentola mettere l’acqua, la margarina, lo zucchero ed un pizzico di sale e portare a ebollizione.

Spegnere il fuoco ed aggiungere la farina setacciata tutta d’un colpo.

Riporre di  nuovo la pentola sul fuoco e mescolare fino a che l’impasto non si staccherà dalle pareti e sul fondo non si sarà formata una patina bianca.

Lasciar intiepidire l’impasto.

Aggiungere un uovo alla volta, assicurandosi che sia stato ben assorbito prima di aggiungerne un altro.

La consistenza della pasta choux deve essere più o meno così:

Formare i bignè su una teglia con carta da forno, con l’aiuto di una sac à poche col beccuccio liscio.

Cuocete in forno preriscaldato a 210° per 15 minuti, poi abbassate la temperatura a 180° e fate cuocere altri 15 minuti (ovviamente il tempo di cottura dipende dalla grandezza dei bignè e dal vostro forno).

Spegnete il forno e lasciate asciugare i bignè in forno aperto, per altri 5 minuti.

Preparate la crema pasticcera. Far bollire il latte di soia con la buccia d’arancia.

Lavorate i tuorli con lo zucchero. Aggiungere la farina setacciata. Aggiungere infine il latte di soia filtrato.

Porre su fiamma  bassa e mescolare fino a che la crema non si sarà addensata.

Lasciar raffreddare la crema.

Farcite i bignè con l’aiuto di una siringa da pasticcere o una sac à poche.

Ponete lo zucchero per il caramello in un tegame su fiamma molto  bassa (io ci avevo aggiunto anche un po’ d’acqua).

Mescolare di tanto in tanto. Quando il caramello sarà del tutto sciolto, spegnete. Io ci ho messo parecchio tempo, magari potreste dividere lo zucchero in due parti da sciogliere separatamente.

Intingete la base del bignè nel caramello (ATTENZIONE: il caramello ha una temperatura elevatissima, quindi occhio alle dita!).

Attaccate i bignè su di un piatto, formando un cerchio.

Contate i bignè che avete usato per la base, dopodichè fate sopra un altro cerchio, sempre bagnando i bignè nel caramello e diminuendo il numero di due (se per la base ne avete usati 20, sopra dovranno essere 18 e così via ;)).

Dopo il secondo strato ho iniziato ad andare a sentimento, ma vabbè. 😛

Se durante tutto il procedimento il caramello si raffreddasse troppo (non attaccandosi più per bene), riaccendete la fiamma bassa e mescolate fino a farlo tornare alla giusta consistenza.

Il risultato dovrebbe essere più o meno questo. :)

Arrivati a questo punto, fate raffreddare un po’ (non troppo! :P) il caramello.

Prendete ora la frusta speciale (o una forchetta)

Intingetela nel caramello

e muovetela velocemente sopra la croquembouche, facendo dei fili. Vi consiglio di provare prima su della carta da forno per trovare la giusta temperatura e consistenza del caramello.

Io ho provato anche un altro sistema (che è simile a quello che vidi nel telefilm e che quanto prima vi mostrerò con l’ausilio di un video ;)) che per ora posso provare a spiegare a parole. 😀

Mettete quattro bicchieri su degli angoli ideali di un quadrato. Poggiateci sopra due asticelle di legno (io ho usato il manico di due cucchiai di legno).

Ho riprodotto l’armamentario, dovrebbe essere così:

Quissù farete andare i fili di caramello fino a formare una ragnatela. Con le mani la potete togliere ed attaccare sulla croquembouche.

Ed eccovi la mia prima croquembouche. 😉

Avviso agli intolleranti:

Prima di utilizzare qualsiasi ingrediente, assicuratevi che sulla confezione sia specificata l'assenza di lattosio.


 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

Ricette simili


Chi sono

Pubblicato da Elena Amatucci il alle 14:44

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

Commenti

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualmente sono presenti 33 commenti a "Croquembouche"

(media voti:5 su 34 commenti)
  1. ciao esa! credo sia piu’ comodo maneggiare il caramello bollente facendo dei fili avanti eindietro, piuttosto che il movimento rotatorio attorno ai bignè! 😀 però puoi scegliere il metodo che preferisci. ^_^

  2. scusa, ora ho visto che la prima opzione era proprio quella di passare sopra i bignè con la frusta intinta, ma allora perché fare una ragnatela a parte?

  3. sono rimasta incantata, sei proprio brava.
    ma i fili non si potrebbero fare direttamente sul cono dei bignè?
    sono curiosa di leggere una tua risposta, grazie.
    ciao e ancora bravissima

  4. barbara se non la fai sbattere, dovrebbe reggere, perchè il caramello fa proprio da collante! :)

  5. bellissima! E’ da un pò che ci faccio la voglia, quasi quasi sabato ci provo…ma dato che dovrei portarla ad una cena a casa di amici, dici che sia fragilissima? Dici che con il trasporto mi cade tutto? Forse lo zucchero caramellato a mò di sciarpa la regge…
    uff io sono architetto, mi servirebbe un ingegnoso!!
    😉 ci provo di sicuro

  6. grazie per il consiglio. 😉

  7. se nel piatto metti 15 bigne e li caramelli con un collino, poi nella carta da forno
    fai un secondo giro con 13 bigne,poi un terzo con 11 b,e cosi via,sempre con il collino li unisci, aspetti che si raffredino,il stacchi e per ordine il appoggi sopra con un pò di caramello farai uun bel cono sensa difficolta

  8. attendo notizie mary! 😀

  9. nn sai da quanto tempo desideravo farli ma nn trovavo la ricetta e poi oggi un’amica mi consiglia questo sito e cosa trovo … trovo te e i tuoi fantastici bignè …complimenti brava . bene da domani proverò a farli sai vorrei stupire gli amichetti di mia figlia per la sua festa di compleanno di domenica …ti farò sapere grazie grazie

  10. grazie charly. :)

  11. Bellissima descrizione. considerato che i bignè con la Vostra ricetta mi sono venuti perfetti proverò a fare questa bella e golosa composizione farcendo i bignè con creme diverse.

  12. grazie mille barbara. :)
    anche io l’ho visto fare col matterello ma avevo il terrore di cosa avrei creato a terra dopo! :S

  13. ciao…innanzitutto complimenti!!!!
    ho trovato la tua ricetta perchè a mio figlio è venuto in mente di fare questo dolce per la notte di capodanno mettendo in mezzo le stelline che si accendono e portarlo allo scoccare della mezzanotte insieme allo champagne….
    ti suggerisco un’idea che ho visto in televisione da uno chef…nel caramello ha messo qualche goccia di colorante rosso…era un’immagine spettacolare il caramello rosso a fili…
    un’altra cosa fichissima è che lui i fili li ha fatti mettendo il mattarello appoggiato per un’estremità al tavolo. l’altra nella mano sinistra e con la destra ha fatto i fili con la frusta come hai detto tu…(non oso immaginare che cosa ci sia potuto essere per terra alla fine della trasmissione!) però l’idea era diverente.
    un saluto e un abbraacio e ancora brava brava brava!!!

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOP