Burger di lenticchie

Difficoltà:
Cottura:
10 min
Preparazione:
15 min
Per:
8
persone

 

Qualche giorno fa mi è stato regalato un ricettario di aperitivi e stuzzichini. Volevo subito provare qualche piatto e quando mia mamma stava per propinarmi pasta e lenticchie, il fato ha scelto per me quale doveva essere: i burger di lenticchie! 😀

La ricetta originale è abbastanza diversa, ma io come al solito mentre cucino faccio aggiunte e modifiche, così ne sono risultati degli sfiziosissimi burger di lenticchie. 😀

Ingredienti

600 g di lenticchie già cotte
2 uova
50 g di farina
sale
semi di cumino
rosmarino
peperoncino in polvere
olio di semi per friggere

Preparazione

Allora come lenticchie potete prendere o quelle già cotte in barattolo oppure le cuocete voi per una ventina di minuti in abbondante acqua, dopo averle lasciate a mollo in acqua per una notte.

Frullarle ed aggiungere i semi di cumino, il sale, il peperoncino ed il rosmarino.

Aggiungere le uova e la farina e mescolare.

In una padella far riscaldare l’olio ed aggiungere il composto di lenticchie a cucchiaiate.

Friggere un paio di minuti per lato.

Ed ecco a voi i burger di lenticchie. 😀

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

Ricette simili


Chi sono

Pubblicato da Elena Amatucci il alle 12:11

La cucina è la mia passione, il mio hobby e, per mia fortuna, anche il mio lavoro, chiunque mi stia vicino per almeno cinque minuti non può non rendersi conto di quanto sia per me di vitale importanza vivere ogni giorno  immersa in profumi, odori e colori provenienti dalla mia cucina. Spero che il mio blog possa essere uno stimolo, per tutte le persone che hanno sempre guardato la cucina solo da lontano, ad avvicinarsi, e a rendersi conto che non esistono persone che sanno cucinare, ma solo persone che amano farlo. :)

Commenti

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualmente sono presenti 15 commenti a "Burger di lenticchie"

(media voti:4 su 17 commenti)
  1. da fare subito ciao

  2. grazie giovanna. :)

  3. io nn lo so come fai ad avere cosi tanta fantasia e pazienza…. complimenti davvero
    ps. sei diventata il mio ricettario 😉

  4. Aldo ma non mi sono affatto offesa. Se non ci si confrontasse, a che servirebbe un blog? :)

  5. Innanzitutto ti ringrazio per la cortese risposta molto pacata.

    Mi preme sottolineare che non era assolutamente mia intenzione offenderti in quanto ritengo che il tuo lavoro sia sempre benfatto e di qualità.

    A me piace di più il termine italianissimo “Fritella di Lenticchie” perchè mi rimanda alle radici della mia infanzia.

    Erano tempi difficili sopratutto per chi come, nella mia regione, me abitava nella provincia e si cibava di prodotti genuini ed autoprodotti cosa che oggi si è ahimè totalmente persa.

    Lungi da me il volerti annoiare con queste storie di altri tempi però concludo confidandoti che ai miei figlioli questa ricetta l’ho chiamata frittelle contadine.

    Mi scuso ancora.

    Con ammirazione ti saluto cordialmente.
    Aldo Frova
    aldofrova@hotmail.it

  6. Ogni spunto di discussione è sempre bene accetto. :)
    Io credo che non ci siano cosa da ‘dover’ osteggiare in quanto tali. per quanto riguarda il nome dato alla ricetta, è subentrato dopo averla preparata. Hanno praticamente la faccia di hamburger, termine comune nell’immaginario di oggi, quindi che fa più presa rispetto ad un’anonima “frittella di lenticchie”. :)
    Per quanto riguarda la suddivisione in regioni è una cosa che avrei voluto già fare ma che richiede tempo, precisione e studio, cose che al momento non posso fare perchè di tempo ne ho davvero pochissimo. :)

  7. Pur essendo solitamente avvezzo agli apprezzamenti verso questo sito ben fatto e curato, mi permetto questa volta di sollevare una piccola nota polemica: è importante essere coscienti delle tradizioni storico/culinarie del nostro gran bel Paese che in questo campo ha una cultura secolare.
    Perchè cercare altrove quello che qui abbiamo basti pensare alla cucina casereccia della mia regione: le Marche.
    Questa ricetta fa chiaramente riferimento a una tradizione americaneggiante e pertanto da osteggiare con decisione.
    Quando pubblicherai anche ricette suddivise per regioni? Secondo me sarebbe un’utile idea per contrastare questa nuova tendenza che fà del fastfood di tutta l’erba un fascio.

    Scusami per lo sfogo e spero che nessuno ne abbia a male.

    Con amicizia.
    Aldo Frova
    aldofrova@hotmail.it

  8. ma infatti inizialmente dovevano essere fatti al forno, ma faceva troppo caldo per accenderlo. 😀

  9. ma dove le scovi??!!?
    le conosci davvero tutte!!
    in gambissima come sempre

  10. CIAO HO APPENA SFORNATO LA TUA TORTA AL CIOCCOLATO, UN PO’ RIVISITATA PERCHE’ IL
    CIOCCOLATO IN PEZZI NON LO AVEVO …DOMANI PROVERO’ GLI HAMBURGER, MAGARI COTTI AL FORNO COSI’ NON SONO COSTRETTA A STARE AI FORNELLI CON QST CALDO. CIAO

  11. Ciaoooooo mia sorella le ha appena fatte rubandoti la ricetta, ma le abbiamo fatte al forno xké fossero + leggere … ottime cmq!
    Ps sono vegetariana! ed è 1 ottima variante x mangiare le lenticchie!
    Complimenti =)

  12. Nadia: no no, dentro restano morbidi. 😀 la salsa di yogurt la consigliava anche il ricettario, quindi direi che è approvata. 😀

    Dolcetto: beata te, io devo resistere un’altra settimana. :

  13. Devono essere buonissimi! Li farò!
    Mi ricordano per certi versi le panelle siciliane :Q_________
    in realtà sono molto diverse ma me le ricordano *_*

  14. Carina questa idea, degli hamburger vegetariani!
    ciao, ti auguro delle belle vacanze, oggi è il mio ultimo giorno di lavoro…

  15. Sembrano quasi dei veri hamburger.. ma non rimangono un pò aciutte? Magari si possono accompagnare a qualche salsina sfiziosa, magari a base di yogurth, che ne pensi?
    Nadia – Alte Forchette –

Scrivi un commento e vota la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOP